Plauto: la commedia della pentola 

In molti conosceranno L'avaro di Moliére, ma forse non tutti sanno che la paternità letteraria di questo iconico personaggio spetta a Plauto, il quale gli diede vita con tratti indimenticabili nella Commedia della pentola.  Aulularia, diminituvo di aula, quindi "pentolina", è infatti il prezioso utensile da cucina che, seppellito sotto il focolare in casa di Euclione, custodisce il suo prezioso tesoro di monete d'oro.
Nel corso di cinque atti esilaranti, il grande commediografo sarsinate mette in scena le vicissitudini della pentola e del suo avaro possessore che, alla fine, grazie come sempre agli intrighi di un servo astuto, sarà costretto ad allentare i cordoni della borsa e a far sposare sua figlia. Lieto fine con matrimonio: un classico delle trame plautine, che però nonostante la prevedibilità riescono sempre vincenti per la comicità delle situazioni e dei caratteri.
La maschera del vecchio avaro è in effetti un capolavoro di comico di carattere, che nei secoli a venire avrebbe dato vita ad innumerevoli variazioni e reinterpretazioni, da quella di Moliére fino al cinema moderno.

In questa videolezione vi racconto la trama della commedia e vi fornisco un commento dei suoi caratteri fondamentali, che nelle linee generali vi ho già illustrato in Plauto: personaggi e intrecci. Buon ascolto!